Recensioni

Tre donne che creano un nuovo destino: La treccia di Laetitia Colombani

4 Aprile 2020

La treccia è la storia di tre donne che rompono gli schemi e dalla sventura colgono un’opportunità per ridisegnare la loro strada. Una narrazione fluida e coinvolgente dove le parole chiave sono determinazione, coraggio e resilienza.

Ognuno di noi, prima o poi nel corso della vita, si trova a vivere la più grande battaglia di sempre. Quella in cui alla rottura emotiva e fisica segue il cambiamento, la ricostruzione e la ripartenza. Come la fenice che rinasce dalle sue ceneri, in questa storia Colombani condensa tutta la forza e la volontà che tre donne mettono in campo per vincere la battaglia della loro vita.

Tre donne, tre posti diversi nel mondo una grande sfida da vincere

Giulia è una giovane donna di vent’anni che lavora nell’azienda storica di famiglia guidata dal vigoroso padre. Amante dei libri, sensibile alla bellezza delle cose, Giulia viene dalla Sicilia. Ogni giorno si reca al laboratorio dove realizzano parrucche in modo artigianale e perde lo sguardo sul suo mare, quello che bagna Palermo. La routine quotidiana è scandita dagli impegni lavorativi, le chiacchiere con le operaie e il suo amore per i libri. Tutto cambia quando accade qualcosa di inaspettato e tragico. Giulia è scossa ma determinata ad agire per non far saltare all’aria ogni aspettativa di futuro e sceglierà di fare a modo suo sfidando ogni scetticismo paralizzante.

Smita è una donna indiana di casta povera, costretta a ripulire ogni giorno le latrine dei ricchi del paese. La paura e la profonda consapevolezza che sua figlia è destinata alla stessa vita per eredità la sconvolge. Presto sarà grande, le metteranno una cesta in mano a fare quello che le spetta di ‘diritto’ ossia pulire le latrine dei ‘signori’. Nonostante la reticenza del marito ostile ad ogni possibilità di cambiamento Smita non vuole arrendersi. Inizia così il viaggio insieme a sua figlia verso un futuro migliore.

Sarah ha quarant’anni ed è un’avvocata di successo che ha focalizzato tutta la sua vita sulla realizzazione professionale. Non sa cosa sia un giorno di riposo, una recita scolastica o una festa di compleanno. I suoi tre figli non bastano a tenerla in casa perché Sarah è come un treno in corsa che va in un’unica direzione. I nodi però nostro malgrado, vengono al pettine e Sarah questa volta non dovrà rompere il tetto di cristallo lavorativo. Questa volta dovrà lottare contro un muro di cinismo spietato quanto inaspettato. “Il lavoro prima di tutto”, del resto è stato anche il suo mantra per anni.

La Treccia di Laetitia Colombani

La treccia è una storia che rompe gli schemi in cui tre donne sfidano il pregiudizio, l’ordine precostituito delle cose e lo scetticismo. Determinate e coraggiose creano un nuovo percorso salvando la vita l’una dell’altra senza saperlo.

E’ un grido di ribellione verso chi non nutre speranze, verso una società che schiacchia il più debole e soffoca le aspirazioni.

La treccia di Laetitia Colombani è una lettura che consiglio di cuore. Sono giorni votati alla riflessione. Siamo chiusi in casa da giorni per via del Covid-19, il virus che ha stravolto le nostre vite ma abbiamo modo di riflettere su tutti quegli aspetti della nostra vita che vorremmo fossero diversi e sul nostro potenziale, spesso sottovalutato. Questo romanzo mi ha aperto lo scenario a molteplici riflessioni. La capacità di reagire di fronte le più tragiche circostanze. Il coraggio di prendere in mano la situazione anche quando il vento è contrario. La consapevolezza che se agisci in favore di una buona causa, personale o collettiva ma pur sempre mossa dal bene, questa azione si ripercuoterà positivamente nell’universo.


Titolo: La treccia
pp 284 €16.90
Autrice: Laetitia Colombani
Casa Editrice:
Nord

Leave a comment