Liste e Consigli

Libri belli in uscita: uno sguardo sulle novità di questa primavera

20 Febbraio 2019

I libri belli da leggere sono sempre troppi a dispetto del tempo tiranno! Tuttavia ciò che conta è non scoraggiarci e continuare sulla linea dell’accumulo che tanto il tempo lo troveremo.

Scherzi a parte, in questo articolo propongo qualche uscita tra le case editrici che seguo di più. Sottolineo qualche perché parlare di tutte le uscite considerando la quantità enorme di libri stampati sarebbe impossibile.

La donna scomparsa, Sara Blaedel – Fazi Editore



Il primo libro che vado a proporre  è La donna scomparsa di Sara Blædel edito da FAZI EDITORE. Tuttavia c’è ancora da aspettare per averlo! Uscirà in libreria dal 14-03-2019.  Autrice da milioni di copie vendute Sara Blædel con questa trama trascinante e ricca di suspense riuscirà ad accontentare gli amanti del giallo? Staremo a vedere!

Anteprima della trama:

Sara Blaedel, la regina del crime danese, autrice da oltre tre milioni di copie vendute definita da Michael Connelly «la migliore che io conosca», è tornata.
È una notte buia e piovosa, in Inghilterra. Al limitare di un bosco, a pochi passi dall’aperta campagna, c’è una casa con una finestra illuminata.

All’interno, la sagoma di una donna, in controluce. A completare il quadro, si aggiungono il marito e la figlia adolescente. Da fuori, un uomo osserva la scena con un fucile da caccia in mano; riesce a immaginarsi il profumo della cucina, il calore familiare della stanza, le conversazioni di fine giornata. Fa un respiro profondo, preme il grilletto e colpisce la donna in piena fronte. Lei si accascia sul pavimento mentre lui scappa.

In Danimarca, la detective Louise Rick e il collega Eik hanno deciso di andare a vivere insieme ma lui sparisce nel nulla. Nel giro di pochi giorni, Louise riceve una telefonata: Eik è stato arrestato per disturbo della quiete pubblica e intralcio alle indagini. Si trovava in Inghilterra, sul luogo del delitto della donna inglese, Sophie Parker, il cui nome figurava da molto tempo nella lista delle persone scomparse. La sua sparizione era stata denunciata diciotto anni prima proprio da Eik: era la sua fidanzata.

Cosa sta succedendo? Sconvolta e terrorizzata dal coinvolgimento di Eik nel caso, Louise deve mettere a tacere il suo tumulto interiore se vuole trovare il killer di quella che si rivelerà la sua indagine più controversa…
Dopo Le bambine dimenticate e La foresta assassina, la detective Louise Rick torna su un caso delicato ad alto tasso di suspense.

Il giuramento, Claudio Fava – Add Editore

Proseguo con un interessantissimo libro genere biografia, edito da Add Editore. Il Giuramento scritto da Claudio Fava racconta la storia di uno dei dodici professori che si opposero al giuramento di fedeltà al re e a Mussolini. Sono dell’idea che per poter parlare serve sapere e sapere vuol dire leggere e documentarsi. Questo è sicuramente uno spunto per comprendere meglio una parte importante della nostra storia. Il nome di questo docente era Mario Carrara.

Anteprima della trama:

«Le teste si possono tagliare o contare. Nel 1931 il regime fascista scelse entrambe le soluzioni e impose a tutti i professori universitari un giuramento di fedeltà al duce. Giurarono in 1238. Solo in dodici si rifiutarono.
Questo è il racconto di uno di quei dodici, ed è liberamente ispirato alla figura di Mario Carrara, medico legale, uno dei primi a rifiutare il freddo censimento con cui Lombroso aveva insegnato a catalogare gli uomini e le anime.
Mentre l’università celebra il concetto della razza, le carriere si fanno con la tessera del partito, gli studenti indossano le camicie nere anche a lezione, Carrara intuisce l’agonia scellerata del Paese e quando il rettore gli comunica data e prescrizioni del giuramento, ossia fedeltà al re e a Mussolini, capisce di non poterlo fare. Non per puntiglio ideologico ma per sentimento di decenza. Perché quel giuramento è anzitutto ridicolo, grottesco, fasullo. In una parola: indecente.
La storia di Mario Carrara è metafora involontaria eppure inevitabile su questo nostro tempo, pervaso da nuovi conformismi e da antiche rassegnazioni».

Il cuore vero, Sylvia Townsend Warner – Adelphi

Questo romanzo Adelphi edizioni scritto da Sylvia Townsend Warner sarà in libreria dal 28 febbraio. E’ una storia d’amore sognante e fiabesca ispirata al mito di Amore e Psiche.

Anteprima della trama:

Nell’Inghilterra vittoriana Sukey Bond, appena uscita dall’orfanotrofio, viene mandata a servizio in una fattoria dell’Essex. Nulla di meno fiabesco, verrebbe da pensare. Eppure la scrittura obliqua e onirica di Sylvia Townsend Warner ci fa vivere, in questo romanzo, una delle più enigmatiche ed emozionanti storie d’amore che sia dato leggere, ispirata ad Amore e Psiche. Perché nella fattoria lavora un giovane bellissimo ed elusivo, che nei loro rari, furtivi incontri guarda Sukey «con un’espressione di splendente trionfo». Tutti dicono che è «un idiota», ma Sukey lo vede solo «ilare e candido», nella consapevolezza che lei, e solo lei, potrà renderlo felice. E quando Eric le verrà rapito, Sukey capirà che il suo futuro non è più «una regione inesplorata fatta di nuvole», e andrà a cercarlo con infinita determinazione: innumerevoli saranno le sue peripezie, al termine delle quali ritroveremo, miracolosamente, la fiducia nell’impossibile.

Il meglio di noi, Joyce Maynard – Nutrimenti

Questo libro non è una novità! E’ uscito ad ottobre tuttavia scelgo lo stesso di proporlo tra le novità. Penso che valga davvero la pena leggerlo e non voglio perdere l’occasione di segnalarlo. Il meglio di noi di Joyce Maynard edito da Nutrimenti. Si tratta di memoir in cui l’autrice racconta la scoperta del vero legame d’amore attraverso la battaglia contro il cancro del suo compagno. Un libro commovente e fortemente ispirante per tutti noi. Non l’ho ancora letto ma lo farò e ve ne parlerò.

Anteprima della trama:

Nel 2011, ormai vicina ai sessanta anni, Joyce Maynard incontra inaspettatamente il suo primo vero compagno di vita. Jim è un bell’uomo, avvocato brillante con tante passioni: la musica rock, l’arte, la fotografia, le auto. Non parla molto, ma quando lo fa i suoi discorsi sono interessanti, le sue domande autentiche e le risposte sincere. Adora vedere Joyce felice, la segue in tutti i suoi slanci, appoggia le sue idee, e non gli importa niente del casino che lascia in cucina.
Prima di conoscere Jim, Joyce credeva che la vita di coppia le fosse ormai preclusa, e che nessun uomo avrebbe mai più alterato il corso della sua determinata indipendenza. Un’indipendenza che, anche nei primi tempi del suo rapporto con Jim, Joyce continua a difendere con tenacia. Fino a quando, in un maledetto giorno di novembre, non molto dopo il loro primo anniversario di nozze, a Jim viene diagnosticato un tumore al pancreas. Nei diciannove mesi che seguiranno – nella battaglia feroce contro la malattia combattuta al suo fianco – Joyce scoprirà per la prima volta cosa significa essere una coppia: “Imparai cos’era l’amore mentre il mio amore lasciava questo mondo”.
Autrice di romanzi che sono diventati film di Hollywood, tra le più amate scrittrici americane di memoir, in questo libro Joyce Maynard trasforma il resoconto di un calvario in una storia di resistenza indomita e in una celebrazione della forza dell’amore.

San Francisco Chronicle

Una storia commovente che giungerà dritta al cuore di chiunque abbia perso una persona amata”.

La lettera di Gertrud, Bjorn Larsson – Iperborea

Spostandoci in territorio scandinavo propongo quello che sembra davvero un bellissimo romanzo. La storia di un segreto che divide se non fisicamente, spiritualmente, una madre e un figlio. Una lettera rivelatrice scioglierà i nodi di un rapporto rimasto in bilico. La lettera di Gertrud edito da Iperborea.

Anteprima della trama:

Il nuovo romanzo di Björn Larsson: una storia di identità, di libertà e di scelta. E sul prezzo che a volte è necessario pagare per il diritto a questa scelta.

È spargendo al vento le ceneri della madre che Martin Brenner, genetista all’apice di una brillante carriera, marito e padre felice, comincia a interrogarsi sul suo rapporto con lei: perché non prova un vero dolore. Scoprirà il motivo in una lettera che lei gli ha lasciato: quello che li divideva era un segreto.

La bambina che amava i fiammiferi,
Gaétan Soucy – MarcosyMarcos

Questo romanzo edito da MarcosyMarcos è uscito a fine gennaio . Dal risvolto mi incuriosisce tantissimo e voglio proporvelo. La bambina che amava troppo i fiammiferi di Gaétan Soucy è la storia di due fratelli cresciuti segregati in un castello da un padre severo e tiranno. Alla morte del padre dovranno fare i conti con la vita reale fuori dalle mura. Una vita alla quale non hanno mai avuto accesso. Sarà così che verranno alla luce misteri inaspettati.

Anteprima della trama:

“Mio fratello e io abbiamo dovuto prendere l’universo in mano una mattina poco prima dell’alba perché papà era spirato all’improvviso. La sua spoglia contratta in un dolore di cui restava soltanto la scorza, i suoi decreti finiti di colpo in polvere, tutto ciò giaceva nella stanza al piano di sopra da cui papà, ancora soltanto il giorno prima, ci comandava in tutto e per tutto. Avevamo bisogno di ordini per non cadere a pezzi, mio fratello e io: erano la nostra malta. Senza papà non sapevamo fare niente. Da soli, riuscivamo a malapena a esitare, esistere, aver paura, soffrire”.

Un romanzo di formazione, un thriller fuoriclasse, una favola gotica, un horror: una gloriosa festa della parola.

Piccola selezione che spero possiate apprezzare. Quali altre novità in arrivo scegliereste?

Leave a comment