Lifestyle

Lavorare in una casa editrice. Le novità sugli ultimi corsi

13 Gennaio 2019

Dall’essere un forte lettore a diventare un professionista all’interno della filiera libraria ce ne passa. Ma se almeno una volta nella vita hai desiderato di far parte di una squadra di creatori e spacciatori di libri allora lavorare in una casa editrice potrebbe fare al tuo caso.

lavorare-in-casa-editrice-stile-libri

I dati AIE (Associazione Italiana Editori) relativi al 2017, in attesa di quelli 2018, hanno confermato l’uscita dal periodo di recessione del mercato del libro e questo ci rende tutti molto felici.

Sebbene il percorso sia alquanto lento, perché di fatto il numero dei lettori italiani rimane molto basso rispetto alla media europea, il numero delle case editrici attive è cresciuto. Stando ai dati dunque, i presupposti per lavorare in una casa editrice non sembrano così male.

La domanda è: esiste un percorso giusto per lavorare in una casa editrice?

Secondo me esiste un percorso migliore ma non è detto che sia quello giusto, piuttosto quello che farei io. Formarsi professionalmente all’interno delle case editrici stesse, capire i ritmi e le fasi di lavoro e respirarne l’atmosfera attraverso l’esperienza degli attori stessi che trasformano un manoscritto in un libro; ecco questa è la scelta su cui mi orienterei, nulla togliendo ai percorsi accademici gestiti comunque da professionisti nel campo nell’editoria.

A tal proposito ne propongo alcuni in programma nei prossimi mesi, che tendezialmente si ripetono nel tempo, dove potreste trovare quello che si adatta di più alle vostre esigenze:

I CORSI DI MINIMUM FAX a Roma

Minimux Fax, organizza periodicamente corsi, workshop e laboratori davvero per tutti i gusti. Un ricco calendario dedicato alla formazione editoriale, che spazia dal lavoro redazionale fino all’area commerciale. Ho avuto la fortuna di visitare questa casa editrice, che apprezzo tanto, e parlare con il gruppo della redazione, un team di persone appassionate ed entusiaste. Quindi, se vuoi diventare un professionista del settore editoriale e orientarti tra i diversi settori dell’industria culturale io un’occhiata la darei.

SCUOLA DEL LIBRO a Roma

La Scuola del Libro ha sede a Roma ma organizza corsi e workshop anche in altre città d’Italia. Fondata da Marco Cassini, creatore anche delle case editrici indipendenti Minimum fax ed Edizioni Sur, questa scuola è il risultato della collaborazione di molte personlità che operano nel mondo del libro. L’offerta formativa è ampia e il corpo docenti è formato da editori, scrittori, redattori, editor, traduttori, giornalisti insomma una squadra del libro al completo. Piuttosto interessante è il master che copre tutte le aree di lavoro del libro, un percorso completo e impegnativo adatto a chi ancora non ha le idee chiare sulla strada da percorrere.

CORSO DI EDITORIA a Milano

Questo corso organizzato dalla casa editrice MarcosyMarcos fondata da Marco Zapparoli, si adatta sicuramente a chi ha meno tempo, trattandosi di soli tre giorni di lezioni. In sostanza è una full immersion sugli aspetti tecnici del mestiere ma con sguardo puntato al futuro: i cambiamenti del mercato del libro e le nuove sfide da affrontare.

CORSO PER REDATTORE EDITORIALE a Torino

Per chi volesse intraprendere il percorso del redattore editoriale, la casa editrice torinese Lindau organizza un corso di formazione specifico volto a formare una delle figure chiave nella nascita di un libro. Un corso teorico e pratico diviso in due moduli durante i quali gli studenti si confrontano con tutte le fasi del lavoro: dall’organizzazione del progetto editoriale alla creazione dell’ebook.

CORSO DI FORMAZIONE a Bologna

La casa editrice Odoya offre un corso di formazione adatto sia a chi ha intenzione di avvicinarsi al mondo editoriale, sia a chi ha già acquisito gli strumenti di lavoro ed ha bisogno di rafforzarne le basi. Sembra davvero un percorso completo sia dal punto di vista pratico che teorico. Interessante la proposta di due moduli opzionali dedicati uno a Photoshop e uno alla creazione di ebook. Da valutare per chi è di Bologna e dintorni.

Leave a comment